Cari studenti e studentesse

Il Dirigente Scolastico

Marco Fontana

Il nostro giornale scolastico online deve prendere vita anche e soprattutto in questo periodo cosí strano e difficile, che mai si era presentato nella storia della repubblica italiana. Il giornale é un altro dei modi per tenersi in contatto tra noi ed esprimere al meglio cosa proviamo a lavorare a distanza. Non vivere la propria giornata nel consueto edificio scolastico é stata inizialmente una sorpresa magari anche gradita per tutti voi; so anche peró che la scuola significa sicurezza, amicizia, persone fidate, luoghi dove esprimere il proprio pensiero e vivere la propria libertá. Tutto questo, nonostante l’impegno instancabile dei vostri insegnanti, vi é ora negato.

1

Per me é strano entrare tutti i giorni (perché qualcuno deve pur fare da punto di riferimento per tutti) e non trovare il consueto via vai di studenti, studentesse, insegnanti, educatori e collaboratori; le persone con cui ho a che fare dal vivo sono alcune bidelle e segretarie che a turno mi supportano. Non per questo manca la voglia di lavorare per riaprire la scuola nel modo migliore possibile! In attesa del vostro rientro mettiamo in ordine tutto ció che si puó, ripuliamo ambienti che ne hanno bisogno, sistemiamo documenti e materiali. In vostra assenza sono arrivate anche nuove lavagne multimediali: nella foto che vi mando si vede la 1 C vuota, ordinata e con una LIM in piú, nuova, scintillante e funzionante (l’ho provata personalmente). Sembra un’aula avveniristica e invece é il solito ambiente, solo risistemato e ordinato. Cosí l’aula insegnanti: deserta e in attesa di persone che con impegno stanno lavorando da casa con e per voi. E che dire della palestra? Sembra una struttura avveniristica, invece é solo tirata a lucido: aspetta soltanto il vostro rientro.

2

Mi tengo in contatto continuamente con i vostri insegnanti che mi raccontano dei successi e delle vostre difficoltá. Alcuni di voi si danno da fare con computer o tablet, altri con il telefonino, altri ancora fanno esercizi sul quaderno e sul libro. Avete imparato in fretta ad usare piattaforme per l’insegnamento a distanza, a convertire file in altri formati, a mandare email con allegati e a fare test online. Tutto questo cercando di imparare argomenti con il supporto, certamente, dei vostri insegnanti, ma con difficoltá aumentate dalla distanza. Questo va a vostro onore. Raccomando a quei pochi che non si stanno impegnando di mettersi sotto: l’istruzione é un bene prezioso per voi, per la vostra crescita, per il vostro futuro. Un giorno Bolzano, l’Italia, l’Europa, il mondo avranno bisogno delle vostre competenze per affrontare crisi gravi come quella che stiamo vivendo ora e forse anche di piú; solo persone in gamba e che si saranno date da fare sapranno rispondere e garantire un futuro per tutti.

Mentre faccio queste riflessioni osservo il quartiere dalle finestre del mio ufficio di presidenza. Ci vedremo presto qui con tanta voglia di imparare insieme.